Il primo fu eliminato dai boss mafiosi già coinvolti nel delitto Mattei e il secondo sfuggì fortunosamente all'agguato tesogli dal fascista romano Berardino Andreola, un confidente dell'Arma dei carabinieri già coinvolto nella morte dell'editore Giangiacomo Feltrinelli sotto il celebre traliccio di Segrate [77]. Stando alla testimonianza della consorte di origine austriaca Greta Paulas, un'ultima lettera minatoria venne recapitata a Enrico alla vigilia del suo penultimo viaggio in Sicilia (18 ottobre 1962) [54], nel corso del quale si era impegnato con le autorità siciliane a costruire uno stabilimento con 400 posti di lavoro a Gagliano Castelferrato in cambio dell'utilizzo, da parte dell'Eni, del metano precedentemente scoperto nel sottosuolo del paese. Nel 2001 è a Genova contro il G8 con i suoi figli, partecipa attivamente a tutti i dibattiti ed è inorridita dalle criminali violazioni della Costituzione di cui sono protagonisti il governo italiano e tutti i suoi rappresentanti. Il quale era anche stato il legale dell'azienda di Mattei. Uno fra questi, Ezio Vanoni, seppe cogliere la proposta di Mattei, cui l'esperienza partigiana aveva insegnato il valore del carisma, di barattare l'appoggio di Mattei per le vicine elezioni con un'ampia delega alle materie petrolifere. Giorgio Catalano, marito Maria Concetta Mattei/ Un ruolo cruciale per… Pubblicazione: 03.05.2020 - Morgan K. Barraco Giorgio Catalano, marito Maria Concetta Mattei: l’uomo è stato cruciale nella scelta della donna di fare il grande salto verso Ballando con le stelle. Enrico Mattei (Acqualagna, 29 aprile 1906 – Bascapè, 27 ottobre 1962) è stato un imprenditore, partigiano, politico e dirigente pubblico italiano.Figlio del brigadiere dei carabinieri Antonio Mattei, fondò una piccola azienda chimica. La carica era formalmente quella di "membro aggiunto"; oltre a Mattei per la DC, vi era in questo ruolo anche, Sui rapporti fra clero e partigiani, una commossa testimonianza del generale. Una trasmissione radiofonica per i più piccoli, Presentato nella sala della Provincia l'ultimo cd-Rom Il progetto Radio bambina, spazio aperto 12 ore al giorno, Senato della Repubblica, Commemorazione di Teresa Mattei, È morta Teresa Mattei, inventò la mimosa simbolo dell'8 marzo, Piazzetta Teresa Mattei, la genovese della Costituente, Azienda regionale per il diritto allo studio universitario della Toscana, Chimica e mimose, Gianfranco e Teresa Mattei. L'Ente Nazionale Idrocarburi fu istituito nel 1953 con la Legge n. 136; la stessa legge conferiva all'ente diritti esclusivi di ricerca e produzione di idrocarburi nella Pianura Padana. [senza fonte], La rete era stata stesa a tempo di record; con risparmi teoricamente impensabili. La seconda mossa fu la fondazione di un quotidiano, Il Giorno, cui delegare l'immagine e la comunicazione del gruppo. (Raistoria, intervista trasmessa il 25 aprile 2019) [6][7][8] La madre è una glottologa. Lo smagliante sorriso di Mattei amabilmente placava molti dei protestatari, e dove non fosse bastata la coinvolgente prospettiva di assunzioni, pattuiva infine pratici indennizzi monetari, in genere modesti, spesso rateali. Profili biografici, Mostra internazionale del Cinema di Venezia, Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana, Grande ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica italiana, http://www.fabiobeconcini.com/monografie_marcia.php, http://www.quirinale.it/elementi/DettaglioOnorificenze.aspx?decorato=119372, https://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Teresa_Mattei&oldid=117918484, Deputati dell'Assemblea Costituente (Italia), Studenti dell'Università degli Studi di Firenze, Voci con modulo citazione e parametro coautori, Voci con modulo citazione e parametro pagina, Voci con modulo citazione e parametro coautore, Errori del modulo citazione - citazioni con URL nudi, Voci biografiche con codici di controllo di autorità, licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo, «Di iniziativa del Presidente della Repubblica», Segretaria dell'ufficio di presidenza (25 giugno 1946 – 31 gennaio 1948), Il residence universitario Val di Rose dell'Università di Firenze. Costoro hanno indicato nella «causale Mattei», cioè nella necessità di tenere occultati determinati retroscena della morte del manager pubblico, il movente della soppressione del giornalista [4]. Disattendendo il mandato, ne fece invece una multinazionale del petrolio, protagonista del miracolo economico postbellico. ; ma Giorgio Galli, in. Nel 1996 lancia la raccolta di firme, “L'obbedienza non è più una virtù” con una cartolina petizione al Presidente Scalfaro per chiedere un nuovo processo al criminale nazista Erich Priebke responsabile della strage delle fosse Ardeatine ma anche della morte di decine di Patrioti appartenenti alla Resistenza nel carcere di via Tasso a Roma. [6] Prende la maturità come privatista (su consiglio di Pietro Calamandrei)[7] lo stesso anno e si iscrive a Lettere e Filosofia. Lo ha ricordato Fanfani a Salsomaggiore, «Il Resto del Carlino», 26 ottobre 1966, Motivazioni della sentenza emessa dalla terza sezione della Corte d'Assise di Palermo in data 10 giugno 2011, a firma del presidente Giancarlo Trizzino e del giudice estensore Angelo Pellino, Deposizione di Pachetti Rino davanti al p.m. Santachiara, San Donato Milanese 25 giugno 1963, Motivazioni della sentenza emessa dalla terza sezione della Corte d'Assise di Palermo in data 10 giugno 2011, p. 2150, SIUSA - Sistema informativo unificato per le soprintendenze archivistiche, fondo Ente nazionale idrocarburi - ENI - Presidenza Enrico Mattei, Mossadeq. Importò dagli Stati Uniti il concetto di motel ideando i Motel Agip. Soprattutto dopo il 27 ottobre costoro garantirono le complicità istituzionali che permisero di archiviare la tragedia di Bascapé come incidente aviatorio. Il suo presidente gen. Ercole Savi, uno dei progenitori di "Gladio", si precipitò a Bascapé la mattina del 28 ottobre e condusse i lavori nella massima riservatezza e con scarso rispetto della normativa vigente in materia [57]. A prospettare l'eventualità di un evento doloso furono l'assenza di segni premonitori, le testimonianze di alcuni paesani che avevano notato una fiammata in cielo, l'annosa contrapposizione dell'Eni alle "Sette sorelle" del cartello petrolifero internazionale – per lo più americane - e alcune lettere minatorie firmate OAS (Organisation de l'Armée Secrète), che preannunciavano rappresaglie per l'asserito sostegno dato da Mattei alla causa dell'indipendenza algerina. Prima di una sua molto probabile eliminazione soprattutto dopo il discorso dell'inedito, volevo inserire alcuni suoi video da you tube, a dimostrazione che Sara ha un suo stile e molte canzoni sulle sue corde che risultano molto convincenti a mio parere (fatto oscurato del tutto ad amici). [44] Con capitale misto ENI (75%) e IRI (25%) venne costituita la SIMEA, con a capo Gino Levi Martinoli, mentre Mattei diveniva presidente dell'AGIP Nucleare e iniziarono i lavori per la costruzione della Centrale elettronucleare Latina. Da più parti si ipotizzò un tentativo di sabotaggio, ma in seguito l'episodio è stato ridimensionato a semplice dimenticanza di un motorista distratto. Arruolò un numero rilevante di volontari (dai 2.000 iniziali, al 25 aprile del 1945 se ne sarebbero contati oltre 40.000)[13] e condusse diverse azioni militari, di tanto in tanto rientrando a Milano, dove Boldrini nel frattempo era preso dalla costruzione della nascente Democrazia Cristiana insieme a Giuseppe Dossetti, Amintore Fanfani, Ezio Vanoni, Augusto De Gasperi (fratello di Alcide), Orio Giacchi,[14] Enrico Falck (della omonima famiglia di industriali) e altri futuri esponenti della DC. E a fianco all'informazione, allestì una struttura diplomatica impressionante, con l'apertura di numerosissimi uffici di rappresentanza (e uffici stampa) che operavano come consolati dell'azienda italiana e i cui titolari erano rispettati come ambasciatori; questi preziosi inviati operavano quindi anch'essi nell'informazione, a tutt'altro livello. L'esperienza di Mattei all'Agip prima, e all'Eni poi, attraverso passaggi quasi sempre avventurosi, a volte coperti da un velo di mistero, con le caratteristiche del comportamento del personaggio Mattei, spesso sopra le righe, ma certamente non convenzionale, avrebbe posto le basi per il rilancio di un'azienda ritenuta improduttiva e costosa, destinata a scontrarsi con poteri consolidati da decenni nel settore degli idrocarburi, in particolare con il cartello delle cosiddette Sette sorelle, che all'epoca detenevano un sostanziale oligopolio su quel mercato. Il rapporto fra Agip e compagnie statunitensi in quel momento era comunque a tutti gli effetti un rapporto di concorrenza. Franco Giulio, Pavia 18 dicembre 1964, Decreto di archiviazione dell'inchiesta sulla morte di Mattei, in G. Lo Bianco, S. Rizza, Profondo nero. Su iniziativa di Mattei e dello Scià nacque nel 1957 la Sirip (Società Irano-Italienne des Pétroles), società partecipata al 50% da Eni e NIOC[42] che riconosceva il 50% delle royalties allo Stato iraniano ed il restante 50% diviso equamente tra l’Eni e l’ente nazionale petrolifero iraniano, rompendo pertanto il monopolio del cartello[43]. Restò leggendario, ad esempio, il "metodo Mattei" per la realizzazione dei gasdotti, che considerava di massima urgenza per poter porre i politici dinanzi al fatto compiuto: poiché per gli attraversamenti dei terreni si doveva necessariamente pattuire l'istituzione di una servitù di passaggio con i rispettivi titolari, che in genere erano piccoli contadini o comuni, i tecnici dell'Agip e della Snam ricorsero a tutti gli espedienti di cui furono capaci per accelerare al massimo le "trattative". Sara Zanier interpreta inoltre il ruolo di Francesca nel film Alessandra – Un grande amore e niente più. Un'unica pista all'origine delle stragi di Stato, Chiarelettere, Milano, 2009, pp. 10:47 - Sara Mattei ha già metabolizzato, anche se con qualche fatica, l'esperienza ad "Amici 13". Il Dipartimento di Stato USA aveva reagito bollando la politica energetica dell'Eni come neutralista, terzomondista e incubatrice di sentimenti anticoloniali e anti occidentali [71]. nel brano m12ano .. Altri paesi avrebbero presto interpretato l'imperiale avallo come una preventiva autorevole validazione dell'interlocutore, e le concessioni si sarebbero presto sovrapposte alle concessioni. L'Agip, inoltre, non veniva preferita fra le aziende concessionarie (la modalità di rilascio della concessione hanno un profondo contenuto discrezionale governativo), malgrado la professionalità e la capacità tecnica del personale e le competenze acquisite in anni di ricerca[senza fonte]. Fedele a un suo intimo convincimento che gli suggeriva di comprendere i problemi dell'interlocutore prima di contattarlo, si arrischiò non poco a ingerirsi nei rapporti fra l'Algeria e la Francia, che con fatica ancora la teneva per colonia. [5], Nasce a Genova nel 1921 e trascorre l'infanzia tra Varese e Milano. [2] La Cooperativa promuove il cinema fatto dai bambini come nuova forma di comunicazione e di espressione della loro creatività. [45] Con una potenza di 210 MW costituiva a quel tempo la più grossa centrale nucleare europea e poneva l'Italia terza nel mondo, dietro a USA e Inghilterra.[46]. Richiamò in servizio, pressoché in segreto, l'ingegner Carlo Zanmatti, che era stato epurato perché repubblichino e che aveva buona conoscenza dei meccanismi interni dell'Ente e dello stato delle ricerche, e ne fece un suo consigliere quasi privato. Un inconsueto risultato per un ente che ufficialmente stava per essere liquidato, molto significativo nell'instaurato conflitto con le compagnie d'oltreoceano. Grande Fratello Vip, scoppia un caso mediatico su Dayane Mello. Sara Mattei è su Facebook. Sara Hafdaoui. Sara Zanier – Età, ex compagno e figli Come per il sopraddescritto progetto di costruzione della poi realizzata centrale nucleare di Borgo Sabotino, a poca distanza da Latina, cui l'ENI - ormai senza più vincoli di oggetto sociale né di compiti d'istituto - partecipava in cordata con altre imprese (ma fu l'unica criticata). Contemporaneamente, prendeva corpo anche normativamente l'idea di un super-ente (l'Eni) che avrebbe dovuto coordinare tutte le politiche energetiche del Paese. Tale scenario fu chiaramente prospettato dalla signora Rita Maroni («Ho sentito un boato e una botta e ho visto il fuoco») e dall'agricoltore Mario Ronchi («il cielo era rosso, bruciava come un grande falò, e le fiammelle scendevano tutte intorno... Un aeroplano si era incendiato e i pezzi stavano candendo sul prato, sotto l'acqua») nelle interviste rilasciate ai giornalisti la sera stessa dell'incidente e uscite il 28 ottobre sul tg del primo canale Rai e nella seconda pagina del Corriere della Sera[56]. Amintore Fanfani dovette inventarsi il termine di "neoatlantismo"[48] per rivestire di una qualche accettabile coloritura filosofico-politica quello che di fatto era uno sganciamento netto, e di importante contrasto, con gli interessi delle sette sorelle. [5] Pur non essendo attivamente impegnato in politica, era vicino alla sinistra democristiana, e fu parlamentare dal 1948 al 1953. Queste iniziative contribuirono a rompere l'oligopolio delle Sette sorelle, che allora dominavano l'industria petrolifera mondiale. With in-depth features, Expatica brings the international community closer together. Prima di diventare il massimo rappresentante della resistenza cattolica e, dopo la guerra, un esponente di rilievo della sinistra democristiana, era sceso a compromessi col regime mussoliniano. Con questi effettuava tutte le operazioni che non sarebbe stato possibile effettuare scopertamente, quindi in pratica corrompeva, comprava servizi d'ordinario non comperabili, sebbene la giustificazione addotta fosse che si trattava di un lobbismo contrapposto all'altrettanto oscuro lobbismo delle "sette sorelle", ma stavolta condotto nell'interesse del Paese e supportato dalla benedizione di personaggi di cristallina distanza da simili traffici come La Pira.[50]. Il 10 giugno 1940, in occasione della dichiarazione di guerra, organizza la prima manifestazione in Italia contro il conflitto, in Piazza San Marco a Firenze. [32] Dinanzi alle ancora unanimi intenzioni di liquidazione, la scoperta fu presa come un fuoco di paglia che sì, sconcertava, ma che non sarebbe stata in grado di mutare il corso delle decisioni già assunte. Si laurea in Filosofia presso l'Università di Firenze nel 1944. Alla formazione conferì inizialmente un apporto di natura logistica e organizzativa, procurando armi, vettovaglie e viveri, medicine, e altri generi utili; riuscì inoltre a intessere una rete informativa, nella quale coinvolse anche diversi parroci, grazie alla quale si procacciava informazioni "fresche" sugli spostamenti del nemico. Teresa Mattei continua la lunga battaglia che ha accompagnato la sua vita in difesa della Costituzione e dei nuovi tentativi di modificarla e renderla inefficace. Il più grande monumento, il maggiore, il più straordinario che si è costruito in Italia, alla libertà, alla giustizia, alla Resistenza, all'antifascismo, al pacifismo è la nostra Costituzione.". Nel frattempo ottenne il diploma di ragioneria e si iscrisse insieme al fratello alla facoltà di Scienze politiche dell'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. L'Eni, assieme all'Iri, decise di creare nel 1962 la Società Italiana Vetro (SIV), sfruttando il metano rinvenuto nella zona del vastese, precisamente nel paese di Cupello, che conferì a Mattei la cittadinanza onoraria nella seduta di Consiglio comunale del 2 ottobre 1961. La sovranità è nelle mani nostre, nelle mani del popolo e paritariamente in quelle di ogni cittadino; con questo la Repubblica ci ha fatto diventare cittadini e non sudditi. A far riaprire le indagini sulla morte di Mattei furono però le rivelazioni di alcuni collaboratori di giustizia. Il governo De Gasperi ricevette dunque dalla scoperta un'importante iniezione di fiducia popolare[39] e Mattei fu "rimborsato" con l'intervento sulla legge in discussione in Parlamento: il disegno di legge fu stravolto e si tradusse in una legge assai diversa da quella inizialmente proposta. Cercate di fare voi quello che noi non siamo riusciti a fare: un'Italia veramente fondata sulla giustizia e sulla libertà”. Il diritto civile tra principi e regole. Sotto la guida di Eugenio Cefis, infatti, l'Eni aveva rovesciato la propria politica energetica invisa alle Sette sorelle, divenendo sostanzialmente un raffinatore di petrolio altrui, mentre non furono mai perfezionati gli accordi per l'estrazione di idrocarburi dal deserto del Sahara, impostati dal defunto presidente con le nuove autorità dell'Algeria indipendente. Solo pochi anni prima l'Agip aveva costituito la SNAM,[20] una società dedicata per gestire il nascente mercato del gas e realizzare metanodotti. Requisitoria del p.m. Edoardo Santachiara, Pavia 7 febbraio 1966, Mattei vittima del terrorismo. Business Insider, la versione Italiana del sito Americano di riferimento per le news di tecnologia, finanza, mercati, business e management. Gomorra: La serie (TV Series 2014– ) cast and crew credits, including actors, actresses, directors, writers and more. L'occasione propizia per sciogliere il nodo Mattei con modalità simili a quelle della Operation Mangusta pianificata contro il leader cubano Fidel Castro – una delle poche covert operation di cui la CIA ha riconosciuto la paternità [70] - si presentò sul finire dell'ottobre 1962, quando l'acutizzarsi della crisi missilistica di Cuba polarizzò sui Caraibi l'attenzione dei media e dell'opinione pubblica mondiale. Ha 18 anni e suona il pianoforte. Queste ultime non avevano certo perso occasione per mettere in cattiva luce il geniale manager italiano presso le diplomazie dei rispettivi paesi, ma a far precipitare la situazione era stata la decisione dell'Eni di riconoscere ai Paesi produttori di petrolio del Nord Africa e del Vicino Oriente il 75 % anziché il 50 % delle royalty. 282-292. Canta da sempre ma studia da quattro anni. Il sistema, con poche differenze, era ed è tuttora simile in quasi tutti i paesi occidentali, ad esclusione degli USA. Questa pagina è stata modificata per l'ultima volta l'11 gen 2021 alle 21:04. Mattei fece dell'Eni anche un centro d'influenza politica, attraverso la proprietà di media quali il quotidiano Il Giorno e finanziamenti ai partiti. Il fratello Gianfranco era il responsabile della produzione di esplosivi. Poco dopo divenne, su investitura di Giacchi, il rappresentante della DC presso il ramo militare del CLNAI. Il ridimensionamento di ruolo non fu gradito dall'interessato, il quale, oltre all'istinto del comando, aveva sviluppato anche una sorta di devozione per la causa per la quale aveva in pratica abbandonato la sua industrietta personale, consegnata al fratello Italo. Mentre abilmente temporeggiava prima di "riconsegnare i libri", rinviando la liquidazione, Mattei analizzò il sistema di assegnazione dei permessi di ricerca e delle concessioni di coltivazione del giacimento in vigore al tempo,[25] con le quali lo Stato concedeva a soggetti privati (in genere aziende minerarie, e l'Agip era una di queste, senza privilegi derivanti dall'essere di proprietà statale) il diritto di eseguire prospezioni, ricerche e perforazioni nel sottosuolo al fine di verificare la presenza di giacimenti petroliferi o di gas;[26] in caso di ritrovamento positivo, la successiva concessione di sfruttamento governativa garantisce il diritto di estrazione e di vendita del prodotto, con il pagamento di una royalty percentuale allo Stato. Nel 1947 fonda, insieme alla democristiana Maria Federici, l'Ente per la Tutela morale del Fanciullo. Guarda Gratis tutti i film e Serie TV Biografici in Streaming senza limiti, su AltaDefinizione trovi film genere Biografico in streaming e molto altro. Sarebbe stato Di Cristina a chiedere a Graziano Verzotto, compare d'anello al suo matrimonio (settembre 1960), di attirare Mattei nella trappola isolana, per restituire il favore a una famiglia che l'aveva appoggiato in occasione delle elezioni politiche del 1958 e della nomina a segretario regionale della DC siciliana (primavera 1962) [70]. kyle allan francis. [7] A lei ed al suo gruppo combattente si è ispirato Roberto Rossellini per l'episodio di Firenze del film Paisà. Sarà testimone come sorella di Gianfranco Mattei, orribilmente torturato, e si ottenne la giusta condanna all'ergastolo di Priebke. Le aspettative statunitensi venivano tutte deluse: lo Stato riservava per sé le concessioni per le ricerche in Lombardia e nell'Italia settentrionale, rilasciando ai concorrenti concessioni scarsamente apprezzate in altre parti della Penisola. Del resto, il governo "ordinario" della Repubblica si trovava spesso a dover in pratica rincorrere e spesso giustificare, non senza affanno per entrambe queste prestazioni, la condotta irruente e disorientante dell'ottimo cittadino, il quale non agiva in base a direttive politiche, ma le suscitava. Il governo, aprendo a queste pressioni, degradò Mattei a consigliere d'amministrazione e lasciò che gli statunitensi potessero rimescolare a loro piacimento i programmi di concessione, permettendo loro gratuitamente di usufruire degli studi tecnici effettuati dall'Agip negli anni venti, studi portati avanti a proprio costo (o meglio, a costo dello Stato). Sara Mattei ha avuto il semaforo giallo: lo sapevamo già e la conferma è arrivata con la puntata di Amici 2014 di oggi. L'Assemblea Costituente e il periodo repubblicano, Il biennio cruciale (luglio 1943-giugno 1945): l'Italia di Charles Poletti, Mattèi, Teresa nell'Enciclopedia Treccani, La costituente: storia di Teresa Mattei : le battaglie della partigiana Chicchi, la più giovane madre della Costituzione, (R)Esistenze: il passaggio della staffetta, Teresa Mattei. Nel 1986 fonda a Ponsacco (PI) la Lega per il diritto dei bambini alla comunicazione con la parola d'ordine “Chiedo ascolto” conducendo grandi campagne in favore dei bambini, contro l'eccessivo uso della televisione e per fondare una cultura di Pace che parta proprio dai più piccoli. Elenco delle sette sorelle al tempo di Mattei: «Se in questo Paese sappiamo fare le automobili, dobbiamo saper fare anche la benzina». Gli intrecci fra mafia, estremismo fascista e Istituzioni deviate nelle vicende Mattei, De Mauro, Verzotto e Dalla Chiesa, retaggio della politica economica del fascismo, esponenti democristiani filo-statunitensi, Comitato Oli Minerali Carburanti e Succedanei, Federazione Italiana Volontari della Libertà, Enrico Mattei - L'uomo che guardava al futuro, Grande Ufficiale dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana, Medaglia commemorativa della guerra di liberazione, Un democristiano tra De Gasperi e Fanfani: Mattei e la politica italiana, La sentenza su De Mauro: "Ucciso per lo scoop su Mattei", Enrico Mattei: Consulta nazionale / Deputati / Camera dei deputati - Portale storico, La centrale nucleare in fase di smantellamento ex-ENEL di Latina, http://archiviostorico.corriere.it/1996/febbraio/27/Krusciov_Mattei_avvisato_del_pericolo_co_0_96022711047.shtml, BUSCETTA: ' COSA NOSTRA UCCISE ENRICO MATTEI' - Repubblica.it» Ricerca, Graziano Verzotto l'uomo dei misteri - Repubblica.it» Ricerca, Fonte: La Repubblica, 21.11.1997, "Mattei fu assassinato. Biografia. [19] Alla liberazione, Mattei fu uno dei sei esponenti del CLN alla testa della manifestazione nella liberazione di Milano. All'ultimo momento dissuase dall'imbarcarsi anche il presidente della regione Sicilia Giuseppe D'Angelo, perché la sua scomparsa avrebbe riaperto i giochi politici nell'isola e rimesso in discussione la sua segretaria politica regionale. Ritenuto che i risultati fossero «decisamente sfavorevoli», concludeva che fosse «da sospendere ogni iniziativa tendente a nuovi programmi di ricerche petrolifere». Divenuto ragioniere, a vent'anni intraprese la carriera dirigenziale in una piccola azienda dov'era entrato come operaio; successivamente si trasferì a Milano, dove inizialmente svolse l'attività di agente di commercio nel settore chimico e delle vernici (lavorando come venditore alla Max Meyer). Fu insignito anche di altre lauree honoris causa, della croce di cavaliere del lavoro e della Bronze Star Medal dell'Esercito statunitense (5 maggio 1945), nonché della cittadinanza onoraria del comune di Cortemaggiore e post mortem, l'11 aprile 2013, della cittadinanza onoraria del comune di Ferrandina (MT), dove nel 1958 l'Agip Mineraria fece alcuni studi e trovò il metano nella Valle del Basento. [47] La nuova società trovò in Italia il giacimento di Novazza e altre minori mineralizzazioni uranifere in Val Maira. È un po’ lunatica ma sempre solare. Expatica is the international community’s online home away from home. Tutto, aveva concluso Mattei, pareva portare a un florido sviluppo, anziché a una liquidazione. Divenne così un dirigente del partito. Muove i primi passi all'interno dell'ambito musicale nel 2008 aprendosi un canale YouTube dove proponeva cover di vario genere, sei anni più tardi pubblicherà il suo primo ep di canzoni reinterpretate per poi trasferirsi a Londra e sparire dalla scena. Bisognerà attendere la delibera del Consiglio comunale, l'ordinanza della prefettura, l'autorizzazione ministeriale... ci vorranno mesi, se non anni.» Ma Mattei aveva creato le cosiddette "pattuglie volanti"... Trecento operai di esse si avvicinano nottetempo alla città, quasi si trattasse di un attacco militare, ma in realtà solo "armati" di pale e picconi.