Il tour teatrale (in primavera e in autunno) e quello estivo negli stadi richiamano oltre 450 mila persone; mentre il greatest hits “25…la nostra storia” supera le 800 mila copie vendute, aggiudicandosi il quadruplo disco di platino. Ironia della sorte, nonostante il titolo, questo sarà il disco con la gestazione più difficile di tutta la loro carriera. In luglio parte una singolare tournèe: la band gira l’Italia con il loro speciale container che si trasforma in palcoscenico, una sorta di arena privata itinerante nella quale si esibiscono in uno show di grande musica e molti effetti speciali. L'utilizzo massiccio dell'orchestra, di strumenti come il clavicembalo e di lunghi pezzi strumentali non favorisce certamente il passaggio radiofonico. Il 26 novembre esce il dvd "Pooh Ascolta Tour Live 2004", uno straordinario doppio DVD live, con l’audio in Dolby Digital 5.1 Surround Sound, con oltre 190 minuti di musica e spettacolo di elevata qualità audio e video. Nel 2001, per festeggiare i 35 anni di carriera, i Pooh decidono di pubblicare una raccolta celebrativa, Best of the Best, presentata in due versioni: la prima, è composta da un doppio CD; la seconda da un unico CD, che comprende una traccia "live" estratta dal tour Cento di queste vite. In giugno ricevono un altro riconoscimento dal Premio Regia Televisiva della Rai come campioni d’ascolto per il 1994. Nel 1989 i Pooh mettono in commercio, con tiratura limitata, il brano strumentale Concerto per un'oasi, un maxi 45 il cui ricavato viene devoluto totalmente al WWF. Scuola che verrà costruita e inaugurata a Maggio con la presenza alla cerimonia degli stessi Pooh. 1970 L’uscita dell’ellepì “Memorie” è seguita da una tournèe in Giappone, dove vengono ricoperti di elogi entusiastici. Anticipato dal 45 estivo Dammi solo un minuto, esce l'LP Rotolando respirando, il primo prodotto dalla CGD, la nuova casa discografica, con cui i Pooh firmano un contratto dopo essersi distaccati dalla precedente CBS. I Pooh sono davvero un caso unico nella storia musicale del nostro paese: sono stati non solo uno dei complessi più longevi ma anche quello con numeri di vendita record, superando i 100 milioni di copie di dischi.Una band amatissima dal pubblico che ha lasciato un segno, ancora tangibile, nella discografia italiana. Il principale artefice della nascita dei Pooh è stato senz'altro Valerio Negrini, batterista bolognese, che nel 1962 insieme a Mauro Eduardo Zini Bertoli, chitarrista autodidatta, anch'egli di Bologna, decide di mettere su una band chiamandola "Jaguars" Risveglio, la facciata A, deve peraltro una parte della sua popolarità a uno spot pubblicitario messo in onda in televisione per una nota ditta di cucine componibili. I Pooh sono davvero un caso unico nella storia musicale del nostro paese: sono stati non solo uno dei complessi più longevi ma anche quello con numeri di vendita record, superando i 100 milioni di copie di dischi. 2003 Arriva finalmente il tanto atteso musical “Pinocchio”: regia di Saverio Marconi e musiche dei Pooh, che firmano anche come produttori assieme alla Compagnia della Rancia. In quell'occasione si trattava dell'ultima data del Tour estivo di 25: la nostra storia. Esce il 33 giri “Parsifal”, un disco storico e campione d’incassi per oltre un decennio con 400 mila copie vendute (un record incredibile per quel periodo, nel quale un Lp di successo mediamente non superava le 100 mila copie). Primo 45 giri: “Vieni fuori” e “L’uomo di ieri”. Nell'ottobre del 1966 il quintetto partecipa al Festival delle Rose con il brano Brennero '66 che però viene censurato dalla RAI in quanto tratta del terrorismo in Alto Adige. I nuovi Pooh rimangono fedeli alla loro musica, rinnovandosi negli arrangiamenti, seguendo in parte la moda del momento. Lo stesso capita con Pensiero, che vende oltre un milione di copie. Per portare in giro questa struttura occorrono 14 camion autoarticolati! Segue un tour estivo di 20 date negli stadi e nelle piazze d’Italia, con il picco straordinario nel concerto sul lungomare di Reggio Calabria davanti ad oltre 60mila persone. Durante la sua permanenza nel gruppo Goretti fu secondo chitarrista … La confezione del disco viene studiata a tavolino dai Pooh e dalla casa discografica, e ispirandosi con molta probabilità al "metal box" dei Public Image Ltd. decidono di inserire il CD in una scatola metallica rotonda. Vengono qui di seguito elencati gli studi di registrazione in cui i Pooh hanno inciso i loro album. Al tour, che riscuote il consueto successo di critica e pubblico, è collegata una nuova iniziativa a scopo sociale: si chiama “Salva la musica” e raccoglie fondi per l’acquisto di strumenti musicali da destinare alle aule di musica di alcune scuole italiane, una per ogni regione, situate in zone definite a rischio. In una conferenza stampa tenuta il 3 marzo 2010 i Pooh rivelano i propri progetti futuri, annunciando la prosecuzione dell'attività del gruppo con una formazione a tre (collaudata con due concerti in Canada al Casinò Fall View, vicino alle Cascate del Niagara), e l'intenzione di avvalersi di un turnista alla batteria, nello specifico Steve Ferrone, già batterista per artisti internazionali come Eric Clapton, Bee Gees, Tom Petty e George Harrison. Lo special è composto dai videoclip delle canzoni realizzati sull'isola con i commenti e gli aneddoti degli artisti. Notevole la sezione fiati coordinata da Demo Morselli e composta anche da Amedeo Bianchi e Claudio Pascoli. Nello stesso anno esce la raccolta Un altro pensiero. Esce l’antologia “Pooh 1975-1978” e il decimo 33 giri di inediti “Boomerang” (disco d’oro). Il 29 Marzo parte da Mantova il “Beat Regeneration Tour” che tocca i palasport di 16 grandi città italiane, registrando il sold out a Milano, Roma, Torino, Treviso, Mantova.Intanto con i singoli “29 Settembre” e “Ragazzo di strada”, “Beat Regeneration” supera le 150.000 copie vendute, conquista il Doppio Disco di Platino ed è premiato a giugno a Roma in occasione del “Wind Music Awards” trasmesso da Italia1. L’anno si chiude con la raccolta “25…la nostra storia”, che in sole due settimane vende 450 mila copie. 1984 Incidono il ventesimo album “Aloha” alle Hawai, nel favoloso studio di registrazione di George Benson. Per l’occasione i Pooh indicono un concorso in collaborazione con il sito ufficiale per “invitare” i fan sul palco con loro: “Sul Palco con i Pooh”. 1994 La prima metà dell’anno è dedicata alla realizzazione del nuovo disco “Musicadentro”, che viene concepito in una grande villa sulla Costa Azzurra e poi registrato nei prestigiosi studi veneti di Villa Condulmer. Per il quinto anno consecutivo sono fra i protagonisti assoluti di Telethon: si spostano a bordo di un enorme C130 dell’aeronautica Militare per portare la loro musica in 6 straordinarie location, fra cui i ghiacciai del Monte Bianco, le basi militari in Sicila e il Sagrato della Chiesa di Padre Pio. Red Canzian pubblica il suo primo libro intitolato Magia dell'albero. Il brano portante del disco è La mia donna, canzone scritta da Roby in Italia e arrangiata definitivamente agli studi "Lahina" di Maui. 2:38 PREVIEW Ai confini del mondo. Il gruppo sembra sul punto di sciogliersi quando all'inizio del 1973, dopo infinite selezioni tenutesi nella lavanderia di un albergo sull'Appennino tosco-emiliano a Roncobilaccio, viene scelto il nuovo bassista, Bruno Canzian, detto Red, già chitarrista degli Osage Tribe, gruppo fondato da Franco Battiato, poi in forza ai Capsicum Red, che all'attivo aveva due singoli e un album.[6]. Il 28 ottobre sono invece a Sofia, in Bulgaria, dove tengono un concerto al Palazzo della Cultura con la Classic FM Orchestra. Accompagnati da Phil Mer alla batteria, Ludovico Vagnone alla chitarra e Danilo Ballo alle tastiere, i POOH nel 2011 raggiungono un nuovo traguardo: la tournèe più lunga della loro carriera, con quasi 90 concerti (tutti sempre esauriti) in 9 mesi.Il 27 agosto il “Dove comincia il sole Tour” si conclude nella splendida cornice del Castello di Este (Padova), un vero e proprio “show” tra scenografie di fuochi e luci, suoni e immagini, sbandieratori e comparse in costume d’epoca.L’11 ottobre esce “Dove Comincia il Sole Live”, doppio cd, doppio dvd e luxury edition che racchiudono il meglio di nove mesi di emozioni dal vivo, con contenuti speciali e sorprese per i fan.A dicembre di Roby, Dodi e Red partecipano al concerto di Natale (in onda su Rai 2) e alla serata di Capodanno della Rai (in diretta da Courmayeur). La batteria è suonata dal figlio di Red Canzian, Philipp. Nel live, che ripercorre i primi 15 anni di carriera del gruppo, ci sono anche due inediti suonati appositamente per la tournée: Canzone per l'inverno e Siamo tutti come noi. Nel 1988 con il disco Oasi i Pooh cominciano a collaborare con il WWF. Da questo disco vengono estrapolati molti singoli, tra i quali spiccano Stai con me, I respiri del mondo, Un grande amore e il brano di chiusura, Puoi sentirmi ancora, canzone dedicata a una fan tragicamente morta in un incidente stradale, pezzo con una coda strumentale. 3. Nel 2003 viene pubblicato Pinocchio-il grande musical, un doppio CD con le musiche dello spettacolo, suonate da un giovane gruppo di musicisti e interpretate dai protagonisti del musical. 1975 Esce “Forse ancora poesia”: è l’ultimo album realizzato con il produttore Giancarlo Lucariello (con loro dal 1971). Il 29 ottobre esce Pooh Box, il cofanetto in memoria di Valerio Negrini. Il progetto continua anche a Luglio, quando inizia la seconda parte del tour del quarantennale, che tocca stadi e piazze in tutta Italia per un totale di 31 date con un gran finale per la prima volta nella suggestiva cornice dell’Arena di Verona. Il periodo di lavorazione dell'album, da dicembre 2009 a tutto luglio 2010, è stato interrotto solo per tre concerti in Canada e Stati Uniti, dove Roby, Dodi e Red quasi a voler provare come si sta in tre sul palco, si sono esibiti in acustico, ottenendo un grandissimo successo di pubblico.Roby, Dodi e Red scrivono le musiche del musical di Stefano D’Orazio “Aladin”, che debutta a fine novembre.Il 23 novembre ha inizio la prima parte del “Dove comincia il sole Tour”, una tournèe nei prinicipali palasport d’Italia, dove i POOH, per la prima volta sul palco in una formazione a sei (accompagnati da Steve Ferrone alla batteria, Ludovico Vagnone alla chitarra e Danilo Ballo alle tastiere) fanno registrare sempre i sold-out. Il gruppo nacque dall’incontro di Valerio Negrini (batterista) e Mauro Bertoli (Chitarrista). L'elenco comprende anche i singoli che tra gli anni '70 e gli anni '80 non trovarono posto in nessun 33 giri nell'anno della loro uscita sul mercato. A febbraio del 1978 esce la raccolta Pooh 1975-1978, composta da 12 brani dei quali 4 mai apparsi su L.P. (Donna davvero, È bello riaverti, La gabbia e Risveglio). Nel 1986, per festeggiare i vent'anni del gruppo, esce Giorni infiniti su supporto in vinile completamente bianco. Il brano Lettera da Marienbad è scelto come Lato B del singolo Io e te per altri giorni e lasciato fuori dalla versione 33 giri dell'album, anche se è regolarmente incluso mella versione stereo8 dello stesso. Nel febbraio del 1966 il complesso incide il primo 45 giri: Vieni fuori cover del brano Keep on Running dello Spencer Davis Group. Goretti viene sostituito dal giovane chitarrista bolognese Donato Battaglia, detto Dodi, neanche diciassettenne. 1 - Pooh the Collection online su edicola.shop, la prima edicola online d'Italia. Durante lo SMAU il sito ufficiale www.pooh.it riceve il Premio WWW 2001 del quotidiano Il Sole 24 Ore come Miglior Sito Internet dell’Anno nella categoria Arte e Cultura. Il calore e l’affetto che amici, fan e pubblico dimostrano ai POOH e alla famiglia di Valerio è indescrivibile e Roby, Dodi e Red trovano la forza di salire sul palco per l’ultima parte del tour invernale, celebrando il ricordo dell’amico che non c’è più.Ai primi di Luglio i POOH tornano sui palchi dei Teatri all’aperto e delle Arene Estive con la tournée estiva di “Opera Seconda in Tour” che riprende a novembre 2013 per la quarta e ultima parte.Il 29 ottobre esce “POOH BOX”, un prezioso cofanetto che contiene un doppio cd e doppio dvd live del concerto di “Opera Seconda in Tour” e molte altre imperdibili sorprese per i fan, una sorta di “scatola delle meraviglie dei POOH”.I POOH comunicano l’intenzione di prendersi una pausa nei due anni successivi per preparare al meglio quelli che saranno i festeggiamenti per il 50ennale della band, che ricorre nel 2016. 1978 I Pooh sono i primi a usare la tecnologia laser nei concerti. L’impegno ambientalista dei Pooh si concretizza nelle 50 date del tour estivo: i sindaci delle città in cui si esibiscono, alcune delle quali scelte apposta perché appartenenti alle aree italiane più degradate, vengono invitati a piantare un albero per ogni bambino nato quell’anno. Nel 1973 esce il disco Parsifal, un LP complesso e di ampio respiro strumentale e lirico. Durante il soggiorno hawaiano i Pooh registrano le otto tracce che compongono l'LP e Canzone per Lilli che viene proposta solo nella versione CD. Successivamente, il disco ...Stop del 1980 inaugura la nuova decade con il 45 giri Canterò per te (lato B Stagione di vento) e altri brani famosi come Inca, Vienna, Aria di mezzanotte, Ali per guardare, occhi per volare. Le Canzoni Della Nostra Storia uscirà su etichetta Tamata/Sony Music per celebrale l’incredibile percorso artistico dei Pooh. In questo periodo partecipano a diverse puntate di Domenica In con Corrado. In autunno la CGD pubblica la raccolta “Un altro pensiero” e a dicembre esce il singolo “Donne italiane”. Nel corso della carriera il gruppo ha venduto più di 100 milioni di dischi, record per un complesso italiano.[2]. Nel tour Dove comincia il sole, i Pooh suonano, oltre che con Ferrone, con un chitarrista e un tastierista supplementari, il secondo anche loro arrangiatore (rispettivamente Ludovico Vagnone e Danilo Ballo[11]) scelti fra i nomi più noti del settore. Nel frattempo, esce il libro “Quello che non sai”, che diventerà la seconda opera editoriale più venduta dell’anno con oltre 50 mila copie e 3 edizioni. 1986 Celebrano in modo entusiasmante i 20 anni di carriera: vengono nominati Cavalieri della Repubblica; l’album “Giorni infiniti” e il tour omonimo riscuotono un altro enorme successo; vengono immortalati nel Museo delle Cere di Roma. Il 1º febbraio 2008 esce Beat ReGeneration, un album di cover ispirato ai lavori di altri complessi del periodo degli anni sessanta-inizio anni settanta. 1977 Nuovo show. 1999 I Pooh trasferiscono tutte le loro attività in un unico stabile di oltre 4 mila metri quadri a Milano: concentrano in questo Palazzo della Musica uffici operativi, editoriali e manageriali, archivi storici, magazzini per strumenti, scenografie, palcoscenici, automezzi e strutture da tournèe, laboratori di manutenzione e officine per la realizzazione dei loro progetti live. I Pooh cominciano a gettare le basi sul progetto musical. “Musicadentro” esce a settembre e in meno di due mesi guadagna il doppio disco di platino.